legge di attrazione - abbondanza e fede

Legge di attrazione: dal pensiero alla fede

La scorsa settimana ti ho proposto questo esercizio della token economy per farti allenare all'abbondanza. Com'è andata? Quanti pensieri positivi reali hai avuto? In questo post aggiungo un pezzo fondamentale per capire la legge di attrazione.

A forza di sentir dire "Pensa positivo" si pensa che i miracoli accadano sul piano mentale. Il pensiero è lo stesso livello, se così si può dire, in cui conserviamo le informazioni che leggiamo su libri, corsi ecc. Peccato che questo non sia l'unico livello coinvolto. Certo, è chiaro che il pensiero aiuta a chiarire la visione, fissare gli obiettivi, definire, progettare e programmare le azioni da fare ma quante volte hai fatto tutte queste cose eppure non è successo ciò che speravi?

Tre livelli dell'abbondanza

Il pensiero è la radice che dai a un desiderio. Mi vien da dire che è la forma che un'idea ha sul piano mentale: usi le parole e le immagini per descriverla e immaginarla. Per completezza d'informazioni bisognerebbe parlare di pensiero dominante.

Dopo questo livello ci sono le emozioni che possono essere di fiducia e fede oppure di paura, di timore di non riuscire, o al contrario di riuscire, nell'impresa.

Se le emozioni sono positive seguono determinate azioni per raggiungere l'obiettivo.
Quando le emozioni sono di paura avrai mille resistenze che ti impediranno di arrivare all'obiettivo.
Invece, se le emozioni sono di impazienza, mancanza e dubbio significa che non sei sicura, non hai fede di riuscire a dare forma al tuo progetto anche sul piano fisico.

La fede genera gratitudine

Vediamo di ricapitolare tutto il percorso includendo anche le variabili successive per poi focalizzarci su un aspetto preciso.

  1. Pensa positivo;
  2. senti l'emozione (e le eventuali resistenze o convinzioni limitanti);
  3. fai le azioni giuste a sostegno di ciò che desideri;
  4. affidati con fiducia e gratitudine anticipata;
  5. lascia andare;
  6. preparati ad accogliere.

Bene, ora facciamo un altro passo avanti così fughiamo definitivamente ogni dubbio. Ho studiato molto la legge di attrazione e nella maggior parte dei libri e dei corsi si parla di un concetto preciso che viene sminuito. L'illusione che ne deriva è che tutto sembra sotto il tuo controllo.

Per ottenere un buon risultato dobbiamo avere un'esatta comprensione della nostra relazione con il grande potere impersonale che stiamo usando. Questo potere è Intelligente e noi dobbiamo essere intelligenti. Le due intelligenze devono cooperare. (Troward - Il potere della mente)

 

Qui si parla del grande potere impersonale con cui possiamo cooperare.
Napoleon Hill, nel libro Il segreto della libertà e del successo afferma:

La fede è la definizione dello scopo sostenuta dalla certezza di poter realizzare quello scopo.

 

Si parla ancora di fede, non di pensiero positivo. Ma voglio prenderti per mano e farti fare un passo per volta usando le citazioni come fossero enormi sassi sull'acqua, sui quali puoi saltellare, per spostarti da una riva (o deriva) all'altra. Sono sicura che la frase che segue l'hai letta, sentita o pronunciata un'infinità di volte:

Se puoi sognarlo puoi farlo (W. Disney)

Questa frase non parla più di pensiero ma di sogno e da questo si passa all'immaginazione (rappresentare con la mente) e alla fede. Oh, la fede! Ma allora il pensiero cosa c'entra se quasi tutti i libri, sotto sotto, parlando di fede?
Genevieve Behrend ha scritto:

In altri termini, le parole che noi pensiamo e la persona che siamo, sono tutte riproduzioni in miniatura di Dio "o Spirito Universale che si è definito". Tutti i nostri pensieri erano forme mentali di Dio prima di diventare nostre. Le parole che usiamo sono strumenti o canali attraverso i quali l'energia creativa prende forma grazie al Potere Creatore.

 

Adoro questo concetto perché mi fa ripensare al mondo delle idee. La legge di attrazione non opera PER noi ma ATTRAVERSO di noi. Non è pensiero ma è energia creativa che prende forma grazie al Divino, all'Universo o al Creatore (chiamalo come senti più giusto per te e affine al tuo credo).

Adesso diamo il colpo di grazia a questa illusione del pensiero positivo che dà la sensazione di onnipotenza. La legge di attrazione originaria è legata alla fede, non al potere mentale infatti è un atto che, come dicevo prima, parte da un'idea o un'immagine che prendiamo dalla Fonte, si traduce in pensiero, si aggancia a un'emozione di gratitudine anticipata (concetto fondamentale, non è un dettaglio, ne parlerò nel live meeting) perché ci si sente parte del disegno e quando tutto è allineato non c'è scollamento, ma tutto s'incastra armoniosamente.

Adesso è tutto chiaro, vero?

Ok, il passo successivo è capire come si vada dalla fede alla fisica quantistica ma credo che per oggi tu abbia già di cui riflettere.

Nella stanza dei regali trovi il pdf sulla legge di attrazione per principianti. Iscriviti per scaricarlo e giovedì riceverai la mail per l'adesione al secondo cerchio di meditazione a distanza.

 

Fonte immagine unsplash.com

Add A Comment