Metodo ROADS. Vocazione e scanner

Domenica ho fatto orari impossibili per riuscire a tener fede alla scadenza che mi ero data per la chiusura di Deana II. Avevo gli occhi così stanchi e doloranti che ieri, prima di uscire, ho messo le lenti a contatto e ho sentito i bulbi oculari implorare pietà. Invidio un po' le persone che hanno la vocazione professionale. Le invidio, in senso buono, perché  non riuscirei mai a concentrarmi solo su una cosa per volta. L'ho già scritto tempo fa a proposito delle personalità scanner.
La signora che mi ha fatto la lettura dell'aura direbbe che è la mia energia arancione e viola a spingermi verso le novità e verso il lavoro con i chakra superiori. A parte questo, per me è rilassante passare da un progetto a un altro. Il rischio è di avere troppe cose di cui occuparsi e diventare dispersivi.

Chi ha la vocazione tira dritto, concentrato sulla meta senza distrazioni. Sa cosa vuole fare, deve solo capire come vuole farlo e stabilire le modalità di esecuzione. Chi invece ha una personalità scanner si sente attratta da moltissime cose diverse.
Al momento sto messa così e leggendo capirete perché ho dovuto creare un metodo che mi aiutasse a gestire il tempo (concetto sbagliatissimo, lo sapete vero?) per fare più cose senza perdermi. Per assurdo uso il metodo ROADS proprio quando ho poco tempo a disposizione. Altra contraddizione comune: più tempo abbiamo, più ne sprechiamo.

- Formazione: sto pensando di creare un prodotto, tipo infocorso, ma non ho ancora deciso il tema. Il metodo roads è il più gettonato proprio perché, secondo me, avere una buona gestione delle attività (e del tempo) aiuta a fare molto con soddisfazione e riducendo sia le perdite di tempo sia la frustrazione.
Avevo pensato a corsi sulla legge di attrazioni ma ce ne sono tantissimi, davvero. Tra prodotti free e a pagamento c'è l'imbarazzo della scelta. Sì, anche sulla gestione del tempo ci sono mille offerte, ma ho fiducia nel fatto che chi ha provato le basi del metodo ROADS sia rimasto soddisfatto.
Anche l'extrasensoriale è gettonato, ma non riesco a prescindere l'individualità e standardizzare un corso, al momento, non mi è possibile. Proprio perché so quante sfumature di sentire esistano, mi sembra assurdo appiattire tutto in formule e teorie.

- Blog e gruppo: l'idea è di mandare in ferie il gruppo di spiritualità e benessere e usare dei gruppi creati ad hoc solo per i percorsi o i corsi. La partecipazione sarà reale e concreta e ci sarà scambio tra i membri. Il gruppo strutturato così non soddisfa me e non aiuta neppure gli iscritti. Tanto meno gli 'spioni'. Al momento mi scrivete in pvt, ma questo non aiuta il confronto con gli altri, anzi! Avevo aperto il gruppo, dopo aver chiuso la pagina, perché speravo si creasse scambio, ma non è stato così. La via preferenziale resta la mail, quindi che senso ha avere un gruppo? E' solo un contenitore in più da riempire. Possiamo chiacchierare sul blog usando i commenti o sulla mia bacheca di FB. Dato che riguarda anche voi, per favore, dite la vostra.

- Hobby creativo: dopo tanto lavoro con le parole, la testa e le immagini mentali, avevo estremo bisogno di dedicarmi a qualcosa di materiale, concreto pratico. Qualcosa che non richiedesse spazi esagerati per riporre il materiale, volevo che fosse legato alla spiritualità e che mi permettesse di iniziare e finire in poco tempo. Praticamente tutto il contrario di una trilogia! Avevo un'idea mentale di cosa volevo, ma non sapevo come realizzarlo. Un bel giorno tutto si è magicamente palesato grazie a un video su YT. Quindi ora mi diverto e rilasso creando e pitturando oggetti che sono davvero affini a me e che porteranno nuova luce in questa casa. Qualche coraggiosa mi ha detto che non vede l'ora di poter acquistare le mie 'creazioni'.

- Associazione: ho delle amiche speciali. Alcune di loro sono così rare e speciali che sto valutando di creare qualcosa di professionale. Anche qui, per non fare le cose troppo semplici, ho due diverse vie parallele, una per Silvia, l'altra per Mathilda. Una relativa a progetti sul territorio che mi porteranno a tirare fuori dal cassetto la laurea in pedagogia (se l'ho presa ci sarà un motivo, anche se per anni l'ho snobbata) mentre l'altro è un progetto commerciale che soddisferà Mathilda.

- Libri: ah sì, c'è anche la scrittura. In realtà è al primo posto. Occupa buona parte del mio tempo e delle mie energie. Sto spingendo molto per finire la trilogia proprio perché voglio dedicarmi a tutto ciò che ho detto prima.

Questo per dire che anche se tutto sembra immobile, tutto si muove. Oggi 3 giugno, compleanno di una delle Amiche speciali di cui sopra (che sta leggendo in anteprima l'episodio II), inizierò a scrivere Deana III.
E sono felice.

Comments

  1. Teresa

    Un corso sulla legge di attrazione e/o gestione tempo non mi dispiacerebbe. Anche io ho una personalità scanner 🙂 e non mi dispiacerebbe avere qualche dritta su come gestire il tempo.

    1. Ciao Teresa, il primo segreto per organizzarsi in modo efficace è capire che non si gestisce il tempo, ma possiamo gestire le attività. Le tecniche di ‘gestione del tempo’ non insegnano come avere giornate di 48 ore. Anche se qualcuno se lo augura. 😉
      Ripeto, al momento è il corso più gettonato. Sto solo cercando di ‘sentire’ quale sia il formato adatto per renderlo efficace e fruibile. 🙂

      1. Teresa

        Ciao Silvia, grazie per la tua risposta. Aspetto con ansia altre info sul corso e nel frattempo continuo a seguirti qui sul sito. Un abbraccio, Teresa

  2. Danila

    Bene! Mi sembra una brace ben assortita, e la cottura sarà perfetta. Avanti tutta

    1. Hai della salsa BBQ? Così, per sapere. Metto su un po’ di verdure grigliate, due patate alla brace, un po’ di polenta e ho la mia salsina di peperoni 😉 così, na robina leggera e sfiziosa. 😀

Add A Comment