Vampiri energetici

Circa un anno fa impazzava sul web un articolo sui vampiri energetici. Sono sicura che l'avrete letto. C'ho messo un po' di tempo a trovare il nocciolo della questione, su certe cose sono lenta come una lumaca, però sono arrivata a una conclusione. Ovviamente è la mia opinione personale, per quel che può valere, sostenuta da qualche anno di esperienza. E siccome i prossimi sono quaranta smetto di contare pure gli anni in cui bazzico in questo settore.
Sono sicura vi sarà capitato di parlare con una collega ansiosa e poi sentirvi senza forze. Ascoltare le confidenze di un'amica e trovarvi con una certa ansia, diventare irritabili, insofferenti e non capire perchè. Avete sentito parlare di posti, persone che tolgono energia quindi sentite il bisogno di proteggervi. Andiamo per gradi.

Cosa sono i vampiri energetici?
Credere ai vampiri energetici necessita di credere che siamo fatti di energia e non solo di un corpo. I vampiri energetici sono le persone che rubano energia al proprio interlocutore. Ci sono situazioni che si ripetono di frequente, schemi di azione e reazione quasi ciclici che servono a far scattare il meccanismo di furto energetico.
Anche nelle dinamiche familiari ci sono situazioni conflittuali in cui è facile che qualcuno rivesta il ruolo del vampiro energetico. Generalmente chi ricopre il ruolo della vittima bisognosa di aiuto, sostegno e supporto, potrebbe diventare il vampiro energetico di chi lo ascolta e aiuta. Come il conte Vlad, che vampirizzava facendo pagare ingenti dazi e tasse agli abitanti, vi trovate a fare da distributore di energia.

Perchè lo fanno? Sono consapevoli?
Tutti a volte diventiamo vampiri. Quando viviamo una situazione di cui non troviamo soluzione e chiediamo aiuto a mille persone potremmo non accorgerci che stiamo 'sfiancando' l'altro con le nostre continue domande e richieste di aiuto.
Alcuni sono consapevoli di essere così e se ne fregano perchè gli fa comodo e non hanno la voglia/capacità di trovare altri meccanismi per riportare il proprio livello di energia a una condizione buona.

Quando il nostro livello di energia scende sotto la soglia di sicurezza, sentiamo il bisogno di proteggerci. Allora cerchiamo informazioni in internet sulle varie tecniche per preservare la nostra energia. Dai cristalli, ai simboli di reiki, alle sfere di luce, visualizzazioni di uova piuttosto che mantra da recitare o il portafortuna da cui non vi separate più, diventano tutte possibilità da testare per proteggervi. Veniamo al dunque.

Se credete che la legge di attrazione esista e non sia una leggenda, ricordatevi che avete attratto il vampiro.
Se credete che nulla accada per caso e tutto tenda alla perfezione, ricordatevi che anche questi incontri rientrano nella perfezione e non fanno eccezione.
Se pensate che siamo responsabili al 100% di ciò che ci accade, come sostiene l'ho'oponopono, avete la possibilità di mantrare per armonizzare la programmazione o convinzione che ha condotto a voi quel vampiro.
Ma soprattutto ricordatevi che nessuno vi punta una pistola alla testa (si spera!) quindi se avete la sensazione che vi rubino energia è perchè voi permettete che questo accada.
Il vampiro ha una lezione da imparare ma anche voi avete qualcosa da imparare da circostanze come queste.
Il vampiro dovrebbe trovare nuove strategie per cambiare la sua vita e non rubare energia ad altri (ma non eravamo tutti uniti?) e per chi si fa vampirizzare sarebbe utile imparare a dire "No!" Se siete sempre disponibili ad ascoltare può essere che un giorno già vi troviate con un livello di energia scarsa e, invece che mettere paletti, per restare in tema di vampiri!, decidiate di ascoltare. La vostra scorta di energia va in riserva. In quel momento non state rispettando voi stessi. E' davvero colpa dell'altro?

Se siete consapevoli del vostro limite interiore oltre al quale andate in riserva di energia e vi sentite stanchi e spossati, non potete accusare l'altro di avervi rubato energia. Bella scusa! Non è colpa dell'altro. (Anche ragionare in termine di colpa invece che responsabilità è un bell'alibi).
E' la stessa cosa che accade per la rabbia. Ricordate l'effetto a cascata di cui vi ho parlato tempo fa?
I vampiri energetici sono un alibi perfetto per la nostra mente.
Ad alcuni fa comodo farvi credere che l'altro abbia così potere su di voi. Così come fa comodo farvi credere che ci siano tecniche e modi per proteggervi.
Ma da chi? Da cosa vi dovete proteggere davvero?
La consapevolezza non deve essere sul portare attenzione a ciò che da fuori ci disturba ma a ciò che non riusciamo a gestire dentro di noi. Se l'altro ci fa da specchio non abbiamo nulla da scansare o da cui proteggerci. Ciò che non ci piace è ciò che non vediamo di noi e lo vogliamo allontanare con rituali che rafforzano la nostra percezione di protezione e sicurezza. La mente è sempre all'opera.
Se recito un mantra che ha una vibrazione, le parole sono vibrazioni, questo mi fa sentire più forte e mi fa credere che così sono protetto. A livello energetico ciò che mi dà forza sostiene la mia energia solo perchè io permetto che ciò accada.

Come l'amuleto, lo spicchio d'aglio, il portafortuna, il mantra, i simboli ecc. proteggono la mia energia?

Grazie  alla fede. Ossia se credo che una cosa avrà effetto questo effetto ci sarà. Una volta si parlava di placebo come una cosa inesistente. Oggi si sa che l'effetto placebo mette in atto potenti risorse anche in ambito terapeutico.
Alla luce di tutto questa lunga riflessione, capite che la storia dei vampiri serve ad altri per farsi sentire vulnerabili e indifesi? E capite che serve a voi per avere alibi per non muovermi, per non agire e per accettare una situazione che non vi piace pensando che la causa di tutto sia il vampiro?
Aiutare le persone a risvegliarsi significa aiutarli a liberarsi di convinzioni assurde.

Come l'idea che la nostra vita sia nelle mani di altri.

Ringrazio Stefania per avermi chiesto informazioni sul tema. Questo lungo post esiste grazie a te.

Comments

  1. Ottimo! ne deriva che posso svuotare la tasca. La testa d’aglio d’emergenza non serve .. 🙂

    in pratica la “fede personale” agisce tanto nel bene quanto nel male, o no?
    certo se così fosse allora davvero la bacchetta magica saremmo noi ..

    1. Esatto Danila! Funzione sia in positivo che in negativo.
      Svuota le tasche dall’aglio e allegerisci la zavorra. 😉

  2. martina

    Incisivo. Adamantino.
    Complimenti! Anche per la grinta.

  3. Pingback: Punto Zero di Joe Vitale - Mathilda Stillday

Add A Comment