Aura soma, le mie impressioni

In vacanza passeggiavo per il paese quando mi sono trovata di fronte a un negozio con il logo di una sagoma e i chakra in evidenza. Sono entrata per sbirciare enon sarei più uscita di lì. La prima cosa che mi ha colpita di Vita San è stato il profumo di incenso e oli essenziali. A livello visivo l'occhio è caduto sulle boccettine dell'aurasoma. Vi avevo accennato la cosa su facebook e instagram e finalmente, a distanza di circa tre settimane, posso darvi le prime impressioni. Ovviamente questo post non ha alcun valore professionale perchè non so nulla di questa tecnica. Ed è proprio con le tecniche che non conosco che riesco a osservare e sentirmi su piani energetici differenti. E' un po' come assaggiare piatti nuovi per stuzzicare il palato esercitandolo con aromi sconosciuti.

Il colloquio si è svolto in questo modo. Ho scelto le 4 boccettine dell'aura soma con le combinazioni di colore che più mi colpivano tra altre 120 boccettine circa. Successivamente mi è stato chiesto di metterle in ordine di preferenza. Ho risistemato le boccettine bicolore mettendo al primo posto quella che mi attirava di più e via di seguito le altre a decrescere. Ho atteso il "verdetto" accompagnata dal sottofondo in filodifussione del canto delle balene. Credetemi, avevo la pelle d'oca.

Il primo boccettino rappresenta ciò che siamo.
Il secondo boccettino è il primo blocco su cui siamo chiamati a lavorare.
Il terzo boccettino (che qui non si vede) è il secondo blocco su cui possiamo lavorare.
Il quarto boccettino rappresenta il futuro.

Confesso che le informazioni e l'interpretazione che mi sono arrivate grazie a questa lettura, sono state impressionanti. Non nel senso di "Wow!" ma è stata precisa, puntuale e ha favorito l'introspezione.
Seguendo il consiglio di Brigitte, la consulente del negozio, ho deciso di portare al collo la prima boccettina e di acquistare la seconda da spalmare. L'aurasoma ha prodotti diversi e Equilibrium credo sia il più noto e il più suggestivo per via delle boccettine e dei colori.

Sono tornata a casa con la mia boccettina al collo che ho portato fino a quando, circa una settimana fa, ho sentito che non mi serviva più. Se vi state chiedendo cosa può fare una boccettina al collo, dato che non siete un sanbernardo, vi ricordo solo che le tecniche energetiche lavorano anche a distanza e su piani diversi rispetto alle terapie convenzionali. Ciò che passa è un'informazione energetica. Capisco che è un approccio lontano dal bisogno di assumere e ingerire a livello corporeo (pasticche, rimedi, ecc) ma funziona così.

Boccettina aura soma
Aura soma

La prima cosa che ho notato è stato un effetto simile a quello che ho con i fiori di Bach (anche i fiori potete tenerli vicini senza prendere le gocce, lo sapete, vero?). I sogni notturni sono cambiati. Questo mi ha fatto capire che la boccettina stava lavorando. E sono proprio stati i sogni a farmi capire che l'effetto dell'arcangelo Raziel (B106, la seconda a partire da sinistra) era terminato.
La sera del plenilunio ho iniziato a usare la terza boccettina che avevo scelto. Ho deciso di spalmarla sulle zone collegate a questa miscela secondo quanto suggeritomi da Brigitte. A distanza di giorni però non notavo alcune effetto tant'è vero che di giorno spesso rimettevo la mia boccettina al collo tipo sanbernardo.
La sera mettevo la lozione (n.B 61 - Sanat Kumara & Lady Venus Kumara - in inglese) dal quarto al secondo chakra e non accadeva nulla. Ricordavo l'informazione sulla paura di essere abbandonati che avevo ricevuto durante il colloquio e che avevo ritrovato cercando in rete e non la sentivo adatta a me.
Lo scorso venerdì sera non ho usato Sanat Kumara e Lady Venus Kumara. Mi sono chiesta se avessi scelto la boccettina giusta o se era più efficace portare la miscela al collo. Sabato mattina è scoppiata una bomba emotiva. Per una serie di informazioni e discussioni mi sono sentita schiantata contro un muro. Quel muro era fatto dal mio 'paura dell'abbandono' che ha un'accezione diversa da quella canonica. Vivo come abbandono il fatto di sentirmi sola ad affrontare alcune situazioni in cui mi auguro che le persone che amo mi diano sostegno e appoggio per affrontare gli altri. E' più legato al senso di protezione che all'abbandono, in verità. Così appena sono rimasta sola, dopo ore di discussioni, mi sono spalmata ben bene di lozione, ho suonato il mio hang tank drum poi mi sono fermata nel silenzio. Sto lavorando su questo nodo vecchio e vediamo dove andrò. La crescita personale e spirituale è un lungo cammino. Inizia quando nasciamo e termina con l'ultimo respiro. Ciò che conta è quello che facciamo tra l'inizio e la fine.

Dal punto di vista tecnico invece, c'è un aspetto dell'aura soma che si scontra con la mia voglia di sapere. L'aura soma unisce erbe, aromi, colori, arcangeli, numeri ecc. senza rimandare molte info concrete se non sullo scopo e sull'effetto finale. A me piace molto la chiarezza quindi sapere che ci sono -n erbe e altre cose nelle miscele senza sapere cosa ci sia realmente mi fa percepire come poco chiara la tecnica. I prodotti sono costosi e l'approccio commerciale è evidente. Mi hanno detto che anche i corsi ufficiali non sono a buon mercato. Ma anche alcuni kit di floriterapia non sono proprio abbordabili eh, quindi non lasciate che sia l'aspetto economico a farvi scegliere una tecnica o l'altra.
Per me l'ostacolo interiore più grosso è che tendo ad essere una purista e non mi piace mischiare tecniche varie perchè l'energia non ha bisogno di troppe cose ma delle cose giuste.

Voi conoscete l'aura soma? L'avete provata, ne avete sentito parlare, la usate?

Comments

  1. irene

    silvia, già in FB avevo commentato i prodotti AURA SOMA. Se lasciamo fuori il giudizio (costi, corsi
    , componenti segrete ecc.) devo dire che in certi momenti della mia vita ho percepito sia gli EQUILIBRIUM (di cui parli tu) che le QUINTESSENZE che i POMANDER (soprattutto questi ultimi) come veri bisturi energetici. Da consigliare a tutti, senza saper ne leggere ne scrivere, è il POMANDER BIANCO (blanck) che contiene tutte le componenti ed infatti non altera l’energia nei diversi chakra (come invece fanno gli altri Pomander…che, se li prendi a caso… è un pasticcio) e dunque tende a RIEQUILIBRARE. Inoltre, è ottimo per fermare piccole emoraggie di sangue (tipo taglietti sulle mani o cose così, anche se brucia parecchio), per quietare il pizzicore di punture di insetto, per disinfettare le mani quando ne sentiamo la necessità. Il bianco lo porto in borsetta, sempre. Naturalmente ottimo, prima di entrare in ambienti energeticamente inquinati, da spalmare sull’aura. Tu Silvia conduci poi dei gruppi: in questo caso i Pomander e le Quintessenze possono esserti molto utili. In tali contesti ne faccio sempre uso;-) Non sono una patita di Aura Soma ma riconosco il loro potente valore energetico. Un bacio:-) Irene

    1. Ciao Irene, esatto. Ne avevamo parlato appena avevo postato le foto delle boccettine. Sto usando anche un Archangeloi, acquistato sempre nello stesso negozio.

      L’approccio del dover ripulire tutto non mi trova molto d’accordo. Secondo me rafforza il bisogno di protezione che si manifesta poi con squilibri su altri livelli. Se si perpetua la convinzione che ci sia da togliere e ripulire secondo me si passa da una dicotomia (buono o cattivo) all’altra (pulico o da ripulire). L’energia è.
      Nel reiki karmico l’energia non viene tolta o recisa ma viene trattata e restituita alla persona affinchè la possa integrare. La rende solo più ‘digeribile’. Credo sia per questo che mi piace molto. Lo sento vicino, come principio, alla caccia all’anima degli sciamani: l’energia non viene tolta, tagliata, allontanata ma recuperata. 🙂

      Tu la usi da tempo e sei ferrata sul tema. Dici che non sei una patita dell’Aura Soma. Posso chiederti cosa fa sì che non la senti ‘tua’ fino in fondo? Grazie del confronto
      Ti abbraccio

Add A Comment