Buoni propositi per il 2014

Il primo post dell'anno poteva essere un resoconto del 2013, che ringrazio per la compagnia ma ha fatto il suo corso, o una pianificazione dell'anno appena iniziato. Tranquilli, non vi dirò per filo e per segno cosa farò perchè detesto fare programmi, però voglio partire con organizzazione e metodo. Questo è il primo buon proposito dell'anno.
Ieri mi sono accorta che lo scorso anno non ho neppure preso l'agenda. Mi chiedo, con il senno di poi, come abbia fatto a tenere a mente tutto e capisco perchè ho perso qualche pezzo per strada, qualche mail è rimasta senza risposta (ma le ho lette eh! quindi non ho neppure attenuanti) e soprattutto sono arrivata a fine anno stremata. Se seguite il blog sapete che adoro la numerologia. Sono ancora in un anno personale 8 che richiede metodo, precisizione, costanza e organizzazione e sarà così fino al mio compleanno, ovvero a fine luglio. Tanto vale adeguarsi.
Poi inizia un anno personale 9 che richiede venga fatta pulizia, eliminati i rami secchi nei vari campi della propria esistenza. Si chiude un ciclo. Nel mio caso ho un paio di aggravanti: la presenza di Saturno, pianeta che porta a eliminare ciò che non serve più, e la fine di una realizzazione che passa da vibrazione 8 a 1 quindi si ricomincia e me la voglio giocare bene dopo la pesantezza, per me, di questo anno 8.
Ma basta dare i numeri. Scriverlo qui mi servirà come promemoria per vedere cosa NON avrò fatto anche quest'anno considerato che i miei buoni propositi, in genere, durano da capodanno all'epifania.

IMPARARE
Lo scorso anno ad agosto ho acquistato due corsi di Joe Vitale sull'abbondanza economica (distance learning). In ferie avevo studiato il livello base ed essendo in inglese non ero proprio una scheggia, ma non ho fatto l'esame quindi conto di studiare e farli ora.

Due anni fa oltre al corso di terapia angelica avevo prenotato (e pagato) il corso sulla karma therapy. Avevo iniziato a leggere le dispense (sempre in inglese!) e quando avevo visto i simboli e i possibili effetti, avevo capito che non ero ancora pronta per ricevere quell'armonizzazione energetica così è rimasto lì in attesa di tempi migliori. Chissà che questo sia l'anno decisivo.

SCRIVERE
A breve inizieremo l'editing di Ritorni, un racconto lungo che fa da insalata di rinforzo in attesa del seguito di Koru.
Segue Deana II che ho già iniziato a rileggere e sistemare prima di Natale. Se vi va, lasciate i vostri commenti su Amazon così mi date la carica per affrontare il lavoro con il sorriso sulle labbra ogni giorno. Se non vi è piaciuto ditemi cosa non avete gradito e mi aiuterete a migliorare. Grazie!
Ho anche Deana III da scrivere quindi sarà un anno pieno e l'organizzazione è necessaria.
Nel 2013 avevo iniziato a scrivere anche il manuale del metodo ROADS. Ho quasi finito la prima stesura ed è lì che attende di conoscere il suo destino.

LEGGERE
Il vero buon proposito del 2014 è di non comprare altri libri finché non ho letto quelli arretrati. Ho un sacco di manuali, romanzi, infoprodotti che vanno dallo yoga alla crescita personale ancora da ascoltare, studiare e recensire. Negli ultimi due anni ho letto moltissimi manuali, ma ho bisogno di ritrovare la magia distensiva della narrativa, di nutrirmi di storie e di personaggi che mi aiutino a uscire dalle mie storie e a conoscere stili di scrittura diversi, ambientazioni particolari ecc.
Nella foto in alto c'è un assaggio dei libri che ho in attesa di essere sfogliati e letti. Per fortuna la foto è piccola. Senza contare quelli sull'e-reader.

RITROVARE
Gli ultimi due mesi dello scorso anno un pensiero si è affacciato alla mente dopo anni. Così ho ritrovato due mazzi di vecchie carte (le carte di Osho e un mazzo di sibille chiacchierine e pettegole) e il Natale ha portato un bel bottino. Un nuovo mazzo di tarocchi di vetro di Elisabetta Trevisan, le carte degli sciamani e ho rubato a mia mamma un mazzo di carte karmiche che al momento mi tengono in ostaggio. Mi ritrovo con sette mazzi di carte! (Non ho contato male, mancano le carte degli angeli e i tarocchi sul transurfing di cui vedete i libri in foto).
Sto studiando le karmiche con attenzione perchè uniscono i quattro elementi ai numeri (ma non con il valore della numerologia) e sono precise e taglienti. In realtà queste carte hanno poco di divinatorio. Servono a indagare l'inconscio più che a prevenire il futuro. Anche perchè il futuro è nelle nostre mani e le carte non devono scegliere per noi o diventare il nostro alibi.

L'altra cosa che voglio ritrovare è la musica. Nel 2013 ho cantato poco e ho ascoltato poca musica. La sentivo come sottofondo, ma ascoltarla è altro. Significa immergersi tra le note e gustare le pause, riconoscere l'attacco di un brano, muoversi facendosi cullare dal ritmo senza fare altro. Musica non come sottofondo, ma come protagonista del momento.

Negli ultimi giorni dell'anno stare in cucina era un piacere. Un momento di meditazione in cui le mani si muovono in modo armonioso per trasformare le materie prime in altro, in un'alchimia di sapori e odori che rapisce e si resta sospesi nel tempo fino a quando si spegne il fuoco. Ci saranno molte cose che il 2014 mi inviterà a lasciare andare e questo farà spazio a vecchie passioni che finalmente ritroveranno il loro posto, come la lettura e la musica.

VIAGGI
Lo scorso anno ho avuto diverse mete mancate. Le scrivo solo per promemoria e chissà se mio marito forse leggerà il post.
Due destinazioni che rimando da anni sono Il giardino dei tarocchi e Orvieto.
Come? Pensavate a mete calde e esotiche? No, ci sono cose più vicine che mi attirano molto e non amando il caldo lascio a voi le spiagge assolate e la sabbia tra le dita dei piedi.
Spero di replicare l'esperienza di una settimana di ferie con figlio, sorella e nipoti. Faticosa, ma troppo bella.

ORGANIZZARE
L'impegno di questo anno richiede necessariamente disciplina e organizzazione. Seguendo le regole del feng shui faccio ordine fuori per favorire l'ordine interiore. Ho finito e iniziato l'anno mettendo via gli abiti piccoli del pupo, togliendo i suoi seggioloni e creando il mio ufficio nella zona di casa che prima era ad uso esclusivo di mio marito.

Nella crescita personale si dice che quando hai raggiunto un certo livello se vuoi migliorare dei cambiare qualcosa. Ed è quello che voglio fare. Il mese scorso ho deciso che inizierò a mandare la newletter in cui ci saranno contenuti nuovi che non passano per il blog. Ci saranno visualizzazioni, minicorsi a puntate e anche la selezione del regalo del mese passerà tramite la newsletter. Questo perchè FB ha cambiato politica rispetto alle pagine e se non attivate le notifiche non vedrete gli aggiornamenti.
Appena sarò pronta vi avviserò così potrete iscrivervi e ricevere la mail di conferma che non è ancora attiva. Sempre nell'ottica del tagliare i rami secchi preferisco coccolare chi segue il blog piuttosto che puntare ai numeri.

Sto organizzando anche altre sorprese come un webinar e delle presentazioni del libro on line. Vi darà maggiori dettagli al momento giusto.

TAGLIARE
Questa è la parte più difficile, ma anche la più necessaria. Quest'anno vorrei procedere con passo sicuro e spedito. Anni fa ero Nirbhiti che significa senza paura. Era il nome sannyasin che avevo scelto. Prima ancora usavo il nick Pietra di Luna che è una pietra meravigliosa color latte perlato. Lasciare andare la paura significa avere coraggio e non aver timore di esporsi, di essere se stessi e lo scorso anno l'uscita di Koru mi ha messa a dura prova in questo senso perchè dopo anni parlavo di extrasensoriale senza nascondermi.

A livello affettivo invece, credo sia arrivato il momento di lasciare andare alcune amicizie che mi ostino a chiamare, sentire, voler incontrare, ma credo non ci sia interesse dall'altro lato se non quando ci sono difficoltà o crisi all'orizzonte. Anche in questo caso punterò alla qualità e non ai numeri dedicando tempo a chi davvero merita attenzione, interesse, condivisione.

Sono sicura che ci saranno altre cose che mi verranno in mente nei prossimi giorni ma direi che questo è un buon inizio. Che ne dite?
Voi avete già scritto i vostri buoni propositi dell'anno?

Comments

  1. Pingback: Mathilda Stillday Il mondo delle idee | Mathilda Stillday

Add A Comment