Intervista Donna a Flavia Correani: professione stilista

Difficile, descriversi, non mi è mai capitato di doverlo fare…Ho 29 anni e mi barcameno in una vita da pendolare tra Roma e Firenze dove sono stagista sottopagata presso un’importante casa di moda.
 

Flavia Correani
Ho intrapreso la strada della maglieria da un anno a questa parte ed è veramente interessante e stimolante gestire ogni fase riguardante la progettazione di una collezione fino alla sua realizzazione, se ci fosse un lavoro ideale sarebbe questo… e invece mi tocca continuare  a fare la  tirocinante presso aziende del settore in cui l’unico obiettivo è spremerti come un limone fin ché è possibile. Che dire, speriamo di farcela stringendo i denti il più possibile!

Molte di noi da piccole disegnano i vestiti per le bambole poi un giorno smettono. Come hai capito che quella era la tua strada?  

L’ho capito  dopo aver percorso strade troppo tortuose, e quando si fa troppa fatica vuol dire che o non si hanno le scarpe giuste o si è intrapresa una via diversa da quella insita nella propria vocazione. Evidentemente la vena creativa in me ha prevalso e mi ha riportata sulla retta via.
Una volta capito cosa volevi fare da grande, anche se sei giovanissima, come ti sei mossa? Hai avuto ostacoli? Se sì, come li hai superati?
Lavorativamente parlando gli ostacoli che ho incontrato sono stati moltissimi e credo di non aver finito di scalare la salita. Purtroppo sono gli ostacoli che incontrano la maggior parte dei ragazzi che cercano di affrancarsi professionalmente e che di certo lo sfavillante mondo della moda nonostante l’immagine di futile apparenza non risparmia. 
Ho visto la collezione di maglieria che avete prodotto per quest’anno. Devo dire che sono rimasta incantata per l’eleganza di quello che sei riuscita a fare con il tuo team usando un materiale che ultimamente è stato un po’ accantonato. L’idea di usare la maglia, leggera, morbida, avvolgente con inserti sofisticati ed eleganti come ti è venuta?
BiBi Maglieria
Ti ringrazio, devo dire che la buona riuscita del lavoro che faccio con il  mio gruppo di maglieria è solo il frutto del confronto tra il mio stile e quello delle altre 4 ragazze con cui collaboro. Dal nostro reciproco influenzarci si plasmano tutte le nostre collezioni in cui il fulcro dominante rimane sempre quello di ridare al mondo della maglieria la giusta considerazione che  merita e che ormai si tende sempre a dimenticare per dare spazio a prodotti dozzinali che non rispecchiano minimamente quello che è il patrimonio di lavorazioni artigianali e il buon gusto e la raffinatezza della moda italiana.
In questo salotto si parla di molte cose. Oltre a disegnare i tuoi abiti, quali sono le passioni che ti fanno sentire vita, le cose irrinunciabili e preziose?
Quello che mi sembra veramente irrinunciabile è la curiosità. L’interesse ad avere sempre nuovi stimoli, da qualsiasi fonte provengano, da una lettura, come da una mostra piuttosto che un viaggio. Scoprire nuovi mondi e nuovi orizzonti.
Stai/state già lavorando a qualche altro progetto?  Puoi anticiparci qualcosa su eventuali collezioni alle quali stai lavorando?

Ovviamente il lavoro non si ferma mai e nel mondo della moda in particolare bisogna essere sempre in anticipo coi tempi per poter prevedere le nuove tendenze.  Le nostre collezioni sono state fin’ora ispirate a movimenti pittorici e culturali, prima il surrealismo, poi l’astrattismo. Ora vorremo trarre spunto da una branca diversa ma altrettanto ricca e interessante: la fotografia. Farci guidare nella creazione dai grandi maestri dell’istantanea di moda e non solo per ritrarre anche noi un’immagine della donna contemporanea attraverso i capi di maglieria.
Qui si parla anche di legge di attrazione ossia di come esaudire i desideri. Sono il genio della lampada e hai un desiderio a tua disposizione: cosa vuoi che esaudisca per te?

Se potessi veramente esprimere un desiderio, vorrei che il progetto di questo nostro giovane marchio si realizzasse. Per me e per tutti quei giovani che cercano di farcela da soli. Per dimostrare a tutti che credendo in qualcosa e facendo tutti i sacrifici possibili prima o poi si viene ricompensati e che i sogni non sono solo desideri ma possono intrecciarsi nella trama della vita di ognuno.
Ecco i loro contatti:
Sito BiBi Maglieria 
Grazie della collaborazione.
Mathilda Stillday

Add A Comment