Tecniche energetiche: Reiki

Reiki è una tecnica di guarigione naturale nata in Giappone ad opera del maestro Mikao Usui.
Come molte discipline energetiche, reiki favorisce il rilassamento grazie alla canalizzazione dell'energia vitale universale (rei) attraverso l'energia vitale individuale (ki).
L'operatore di reiki appoggiando le mani sulla persona dona energia universale e grazie alla riduzione  dello stress, favorisce il rilassamento, stimola il processo di autoguarigione  permettendo al corpo fisico di riequilibrare le difese immunitarie, agendo anche sui chakra (i centri energetici) sedi delle più importanti ghiandole endocrine.

Reiki si può ricevere tramite i trattamenti oppure frequentando un corso grazie al quale si diventa operatori. Durante i corsi l'allievo si sottopone ad armonizzazioni (alcuni le chiamano iniziazioni) ovvero una pulizia dei chakra che permette all'energia di scorrere ed essere canalizzata senza ostacoli.
Si possono distinguere tre livelli di apprendimento: il primo livello è prettamente fisico e prevede la presenza del ricevente e del contatto con l'operatore; il secondo livello permette, grazie ai simboli (o chiavi energetiche) l'invio di reiki a distanza, la purificazione energetica degli ambienti, il trattamento di situazioni problematiche del passato, del presente o del futuro; il terzo livello è il master (diviso in insegnante e non insegnante) che consegna una quarta chiave (simbolo) da usare nei trattamenti o per iniziare altre persone.

Reiki è amore universale e trattare eventi traumatici del proprio passato può aiutare a vivere meglio il presente e a sciogliere blocchi energetici.

La Reiki Alliance è l'associazione fondata da Phyllis Lei Furumoto. Inizialmente gli insegnamenti di reiki venivano tramandati oralmente da master a master e la liberalizzazione di reiki si è avuta grazie a Hawayo Takata che ha iniziato più maestri (compre la nipote Phyllis) rendendo possibile l'arrivo di questa tecnica anche in occidente.
In alcuni reparti ospedalieri reiki viene praticato su pazienti in modo complementare alla medicina tradizionale specie nei reparti di terapia del dolore e per malati terminali.

Comments

  1. è una sorta di psicoterapia senza parlare? Avevo letto qualcosa sui chakra tempo fa e facevo qualche esercizio consigliato da Shirley MacLaine non so se è la stessa cosa …un po’ ha funzionato ma bisogna avere costanza …e dopo un po’ ho lasciato perdere …diciamo che è servito per quel che doveva servire

    1. Ciao! Più che psicoterapia è simile, come svolgimento, alla pranoterapia anche se la fonte energetica è un po’ diversa così come il tipo di scambio. I chakra sono i nostri centri energetici e ci sono molti esercizi per riequilibrarli anche con le visualizzazioni.
      Bisogna avere costanza e una borsa degli strumenti da mary poppins così si prende quel che serve al momento. ;o)

Add A Comment