Fiori di Bach: Olive

La primavera è alle porte e in questi giorni decisamente intensi per me e per il pupo ho pensato di scrivere del fiore di Bach chiamato Olive.
Avete presente gli olivi secolari, con il tronco enorme e la chioma folta? Sono piante abituate a resistere anche in condizioni estreme, con la siccità e in condizioni climatiche assurde. Anche quando sono vecchissime e senza forze danno i loro frutti.
Chi di voi non si riconosce in questo comportamento?

Olive è un ottimo ricostituente

Vi sarà di certo capitato di vivere momenti stressanti, dove trovate energie segrete cui dare fondo e pensate di non farcela più e invece siete ancora in prima fila nonostante la stanchezza.
Olive è il rimedio dei fiori di Bach che fa da ricostituente energetico.
Per chi deve dare il massimo, per chi continua a lottare dopo una lunga malattia o una situazione di stress estremo, olive consente di ricaricare le pile, allentare lo stress e trovare nuova carica.

Sinergia con altri fiori

Rispetto ad hornbeam (di cui parleremo) olive serve per gli stati di stanchezza e debolezza fisica e mentale. Se associato a gentian aiuta contro la paura di non farcela. Se associato a cherry plum aiuta a trovare nuova forza e a non perdere il controllo. Possiamo abbinarlo a larch quando il problema è legato a una mancanza di fiducia verso le proprie possibilità (penso a situazioni lavorative logoranti) o ancora associato a pine quando sopraggiungono sensi di colpa per la sensazione di non aver fatto abbastanza.

E' un fiore generalmente veloce negli effetti e in breve è possibile sentire miglioramento. Attenzione però perchè se il problema è dare troppo e andare oltre i propri limiti, assumere olive ad oltranza non ha molto senso. Conviene fare attenzione a cosa ci toglie energia, cosa ci fa vivere al limite e correggere il nostro comportamento.

Nei bambini si trovano pallore, occhiaie, tristezza e sono poco attivi per la stanchezza estrema e la mancanza di forza per agire ed essere al top.
Negli adulti si riscontrano anche difficoltà di concentrazione, problemi del sonno, e sintomi aspecifici legati allo stress.

Comments

  1. Ho trovato molto interessante questo post e le caratteristiche che hai elencato, pensavo proprio a qualcosa per la mia piccola che da qualche mese a questa parte è sempre pallida e stanca. Le analisi fatte non presentano problemi, fisicamente sta bene, ma di sicuro l’impegno massimo che mette a scuola la mattina (le maestre mi dicono che dalla 1^ alla 5^ ora lei ha sempre un livello di attenzione molto alto senza cedimenti) la svuota di energie una volta suonata la campanella. Al pomeriggio fa davvero fatica a concentrarsi per fare i compiti per casa (che pure sono tantissimi) e non ha neanche più voglia di fare sport… ho provato integrando vitamine e sali minerali, ma sembra che non siano sufficienti, penso proprio che le farò provare questo rimedio! Grazie

  2. Arianna

    Mi perdo in questo tuo tipo di post.
    Adoro gli Olivi: forti ed orgogliosi in mezzo alla campagna.
    Grazie!

  3. In che momento della giornata è meglio assumere i fior di Bach? Te lo chiedo perché la settimana scorsa la mia omeopata mi ha consigliato per i bimbi RESCUE remedy, senza specificarmi però quando e come farglieli assumere.

    1. Il rescue puoi darlo all’occorrenza perchè è un rimedio pronto soccorso ossia si dà quando serve. Un consiglio spero prezioso: insegna ai bimbi a chiedertelo quando vogliono le gocce. SI regolano benissimo ed entrano in perfetta risonanza con questo tipo di terapia. Magari evita di dargli poco prima di andare a dormire (vale però per i bouquet personalizzati) perchè sfasano le fasi del sonno e aumentano le fasi rem quindi possono portare frequenti risvegli.

Add A Comment