Calcola il numero di espressione

Numerologia: numero di espressione (seconda parte)

In questo post abbiamo visto come si riducono nome e cognome (più secondo nome e cognome da sposata se in uso dalla moglie) a una sola cifra quindi possiamo calcolare il numero di espressione.
Il vostro nome rappresenta il piano fisico, il secondo nome l'aspetto emotivo, il cognome è ciò che contraddistingue la vostra famiglia d'orgine.

Il numero di espressione indica come ci rapportiamo al mondo

Vediamo un esempio:

S I L V I A          A N C O R D I (un nome a caso)
1+9+3+22+9+1    1+5+3+6+9+4+9
=45                        =37 (3+7)
=9                          =10
9 (nome) + 1 (cognome)

= 1

Sono sposata da meno di nove anni e non uso il cognome di mio marito quindi non devo tenerne conto.
Se sei sposata da più di 9 anni e usi il cognome di tuo marito ricordati che devi tenerne conto.

Significati del numero di espressione

Se non ami la matematica ora poi rilassati perché la parte più antipatica è passata. 😉

Se la somma dei vostri dati da:

UNO - E' il numero dei leader, di chi ama essere autonomo, prende decisioni in fretta, è creativo e ama le sfide ma con un rischio calcolato. Sono coraggiosi e si entusiasmano molto per i progetti che seguono, tendono al comando. Attenzione a che questo uno non vi porti ad essere despoti, autoritari e aggressivi.

DUE - Hanno un carattere mite, sono delicati e generosi, ricettivi e socievoli. Tendono a subire gli eventi più che a crearli (rispetto all'1) e hanno bisogno di cooperazione. Hanno una personalità che oscilla tra gli opposti per questo spesso hanno necessità di affetto e conferme. Non sopportano i litigi e le discussioni. Necessitano di stabilità per non perdere l'equilibrio.

TRE - Estroversi, comunicatori, creativi, espressivi e amichevoli. Sono dei gran chiacchieroni. Amano comunicare in tutte le forme e in tutti modi. Non amano le idee preconfezionate. Sono giocherelloni, animatori perfetti ma rischiano di disperdere energie in mille cose spinti dal bisogno di comunicare e non arrivano a capo di nulla.

QUATTRO - Sono razionali, costanti, combattivi, efficienti, amano programmare e perseguire un obiettivo con passi cadenzati e precisi step. Sono pazienti, puntuali, concreti. Amano l'ordine e il rigore. Il rischio dei quattro è di avere difficoltà sul piano emotivo e tendono a sentirsi realizzati solo grazie al lavoro. Il rischio è che ne diventino schiavi.

CINQUE - Anticonformismo è la parola d'ordine. Sono mutevoli, instabili, amano sperimentare cose nuove, viaggiare, mettersi in gioco. Sono audaci e dotati di fascino personale. Amano esplorare nuove tecniche, stili di vita, possibilità. Sul piano emotivo risultano instabili perchè amano sentirsi seguiti in tutto quindi il rischio è che si stanchino facilmente. Attenzione anche alle dipendenze dovute alla voglia di sperimentare.

SEI - Sono stabili, gradevoli, solari, tolleranti, intuitivi, tendono alla conciliazione, amanti dell'estetica e del bello, della famiglia ricercano costantemente l'armonia. Sempre disponibili ad aiutare gli altri e a soddisfare le loro richieste. Attenzione perché rischiate di diventare ipersensibili, perfezionisti e intolleranti.

SETTE - Introversi, solitari, segreti, sono pensatori, riflessivi. Amanti delle discipline interiori, della filosofia, del misticismo. La vostra indole riflessiva spesso vi porta a fare ipotesi originali e incomprensibili ai più.

OTTO - Forti, volitivi, attivi, alla ricerca del potere in ogni cosa. Corrisponde al dominio interiore, al coraggio. Sono predisposti ad occuparsi delle cose concrete (8= 2 volte 4) del lavoro, dei progetti. Sono ottimi uomini e donne d'affari che non tralasciano però di pensare anche all'aspetto spirituale. Siete da bianco o nero e non amate le sfumature: difficile scendere a compromessi con voi.

NOVE - Interiormente ricchi, sensibili, maturi, hanno una visione olistica delle cose, sono intellettuali e devoti. Tendenzialmente umanisti amate occuparvi dei problemi dei mondo, delle cause umanitarie, dei diritti. Non amano i limiti e spesso viaggiano con la fantasia. Eterni studiosi grazie alla capacità di assimilare con facilità ogni concetto. Il rischio è di occuparsi di troppe cose, di prendersi in carico progetti troppo ambiziosi o di diventare ipersensibili, nervosi, angosciati.

Ti sta venendo mal di testa al solo pensiero di dover fare i calcoli? Scarica la guida gratuita che ho creato per te con la tabella di conversione e in pochi minuti potrai calcolare i due indici principali attorno ai quali si costruisce il tema numerologico.

Numerologia: tabella di conversione e data di nascita

Comments

  1. sullaspondadelfiume

    Credo di essermi ritrovata nel mio numero…forse la seconda parte non mi si addice molto,ma ci ha quasi preso in pieno!

  2. Velma

    C’è un errore…oppure sono l’eccezione che conferma la regola!

    1. Velma, nessun errore. Può essere che la tua data di nascita influenzi molto il tuo tema. Anche io non mi riconosco per nulla. Altra cosa è legata all’uso del secondo nome. Io ce l’ho a battesimo e lo sento mio quindi lo calcolo ma se ti chiamano solo con un nome, allora prova a toglierlo e rifare il calcolo. Ma ripeto, l’ipotesi più concreta è che tu abbia una data di nascita ‘tosta’ ;o)

      1. Arianna

        Gentile Silvia, ma allora davvero si può omettere il secondo nome dal calcolo? Sono alcuni anni che studio numerologia e non ho mai incontrato dei veri approfondimenti sui miei dubbi circa il secondo nome! Se una persona non ha il secondo nome scritto da nessuna parte, se questo secondo nome non viene usato, ovvero pronunciato, se è presente solo nell’estratto di nascita, che a differenza dell’atto di nascita contiene anche annotazioni cosiddette ‘marginali’ (ora di nascita, secondo nome.. appunto), insomma se il secondo nome non è in uso, vale lo stesso calcolarlo o anzi sarebbe meglio considerare piuttosto i nomi con cui una persona è chiamata abitualmente? Se mi toglie questo dubbio le sarò davvero tanto ma tanto grata. 🙂

        1. Ciao Arianna, non darmi del lei, ti prego. 🙂
          In genere entriamo in risonanza con ciò che usiamo perchè ci riconosciamo in esso. Il secondo nome può essere nell’atto di nascita ma se non lo uso gli altri continuano a chiamarmi con un nome-vibrazione diverso ed è con quello che entrerò in risonanza. Se ci pensi bene vale lo stesso discorso del cognome da sposata. Si può scegliere di usarlo o meno quindi se mi presento con il cognome di mio marito (dopo almeno 9 anni d’uso) ne avrò in parte assimilato la vibrazione altrimenti non avrò effetti.
          Stessa cosa per nick e soprannomi. Ho molti soprannomi e ognuno mi dà un’informazione (numerologica) di come l’altro mi percepisce. Questo poi rafforza la mia vibrazione rispetto a quel nome e al rapporto che ho con quella persona.
          Se il secondo nome non è in uso (o il cognome da sposata) ma c’è, lo calcolo per dare un’informazione sull’aspetto emotivo (legato al secondo nome) della persona e ne tengo conto nella sintesi finale in cui vado ad incrociare i dati. Ti faccio un esempio. Se ho un secondo nome con vibrazione 11 (può essere interessante valutare, a fine tema, se ci sono altri numeri Maestri che rafforzano questo valore o se è riducibile a un 2. Oppure può essere interessante valutarlo nella trascrizione completa del nome se ci sono numeri a valore zero che magari sono presenti nel secondo nome quindi si rischia di perdere qualcosa che può essere recuperato. Diciamo che in alcuni casi il secondo nome non influente ai fini del tema. Io ho un secondo nome di battesimo che mi piace, non lo uso, ma lo sento mio, privato, so che c’è. Eppure all’anagrafe non compare ma la sua vibrazione per me esiste. 🙂
          Saranno i numeri stessi del tema a farti capire se è influente o meno. Quando arrivi alle conclusioni, secondo me la parte più misteriosa e bella, avrai modo di ‘sentire’ e leggere la mappa numerologica lasciandoti guidare sulla via giusta e rimandando le tue considerazioni finali a chi ti chiede il tema. 😉

    2. Velma

      Sarà! Perchè non ho secondi nomi e il cognome di mio marito, con il quale siamo sposati da meno di sei anni, non lo uso manco morta!

  3. Se ho fatto i conti giusti, mi riconosco abbastanza (ahimè 😛 ). Aggiungendo il cognome di mio marito devo dire che il rpofilo non cambia molto, ma dà l’immagine di me più “matura”.
    Vabbè vado a cambiare nome? 😛

  4. Allora con il mio nome e cognome risulto il numero che si accorda con la mia personalità se aggiungo il cognome da sposata mi ritrovo in una personalità che non mi appartiene …… Cosa faccio divorzio???? A parte gli scherzi grazie per questi post interessanti!!!

    1. Elisabetta non essere così drastica! Puoi far cambiare cognome a tuo marito! ;o)
      Si vede che il nome da sposata lo usi poco. Però se vedi solo il cognome del tuo lui, hai un’indicazione in più sulla sua indole. ;o)

  5. Caspita! Proprio oggi pensavo ai fili che si intrecciano nella vita… All’importanza delle casualità e al senso che io spesso associo ai numeri… Sarà una coincidenza anche questa, ma mi ci ritrovo anche nei difetti del mio numero ^_^!

    1. Ho smesso di credere al caso da quando ho iniziato a credere nella legge di attrazione. O è il caso o siamo noi a creare. Forse è un mio limite ma per ora non ho trovato il compromesso tra qs. due posizioni. ;o)

  6. … e così sono un 9… ok. Soprattutto ipersensibile e nervosa quando mi metto in testa di fare troppo, più delle mie risorse…

  7. No, evidentemente anche io devo avere una data di nascita che influenza molto… non mi trovo col mio nome completo (laura Anna.. Anna non è il secondo nome.. il mio nome è proprio Laura Anna) nè togliendo Anna (nessuno mi chiama Laura Anna ma solo Laura). Ma proprio sono lontana lontana… 🙂

    1. Confessa, ti chiamano Lallabel! ;O) Parleremo anche dei soprannomi, eccome! Specie per chi è blogger. 🙂
      A breve vedremo le date di nascita. Tranquille.

  8. Vado da 1 (con secondo nome che non uso) a 8. Il cognome del marito è 9 e quindi neutro (magari non glielo dico!) Forse sono anch’io l’eccezione che conferma la regola, perché “non m’assomiglia penniente”. Confido nel soprannome, perché la data di nascita non credo aiuti.

  9. I miei numeri sono sempre stati il 7 e il 9: confidavo molto nel 9 perché, oltre ad essere la mia data di nascita, me lo sono ritrovato in diverse circostanze…(anch’io non credo al caso, da qualche anno…).
    È uscito il 7: sì, mi ci ritrovo in pieno! Forse però (sarà che sono bilancia, segno doppio: non so se la cosa conti! 😀 ) la mia personalità è descritta in maniera “completa” unendo, effettivamente, il 7con il 9!
    Sempre l’influenza “tosta” della data di nascita?

  10. Margot

    Anch’io sono 9 e mi ritrovo in parecchie cosucce!

  11. Pingback: Mathilda Stillday Numerologia: numero di espressione | Mathilda Stillday

Add A Comment