LOA: cosa è il focus on?

Prima di procedere con altre nozioni sulla legge di attrazione, vediamo di fare un breve riepilogo per chi avesse perso i precedenti post (potete trovarli facilmente usando Cerca nel blog o le etichette qui a destra).
Abbiamo detto che la legge di attrazione è una legge che si basa sui principi della fisica quantistica e permette di ottenere ciò che chiediamo.
Però abbiamo anche detto che noi mettiamo in atto diverse forme di resistenze che fanno si che ciò che chiediamo non arrivi nella nostra realtà. Inoltre, per cultura, educazione, formazione, professione abbiamo delle convinzioni che spesso risultano limitanti.
I pensieri diventano cose. Già, ma il pensiero deve essere accompagnato da una situazione emotiva precisa affinchè quello che chiediamo diventi concreto, tangibile, reale.
Oggi parliamo del focus on.

Abbiamo chiesto mille e più cose all'Universo (o a Dio, o all'Amore Universale chiamatelo come più vi è affine) eppure qualcosa non torna perchè state ancora aspettando.
Ma come vivete l'attesa? Questo è un nodo cruciale.
Focus on altro non è che la capacità di restare centrati, focalizzati sul nostro desiderio.
Tornando per un attimo all'esempio del ristorante: se chiedo il risotto e poi ordino una grigliata di pesce, significa che il mio focus, il mio interesse si è spostato da un oggetto all'altro.

La domanda è: ho cambiato interesse perchè il primo era poco sentito o perchè temevo fosse 'troppo' (torna la convinzione limitante 'non me lo merito') per me?

In questo caso è facile optare per qualcosa che ci sembra più vicino alle nostre possibilità. Ma se pensiamo questo abbiamo dimenticato che siamo noi a creare le nostre opportunità!
Sì, immagino già le vostre espressioni di disappunto pensando al lavoro che non avete avuto, ai soldi che non sono entrati, all'amico che vi ha mollato proprio mentre avevate bisogno di aiuto.

Facciamo un esame: volevate davvero quel lavoro? Non vi preoccupavate di qualcosa come la distanza, lo stipendio scarso, gli straordinari non pagati, o magari il fatto che eravate fuori casa per troppe ore e non avreste visto i vostri figli?
E quei soldi....eravate sicuri e senza un dubbio che li avreste presi proprio alla scadenza o vi 'aspettatavate' l'ennesimo ritardo?

Restare focalizzati sul nostro desiderio significa che si resta centrati su quello che si vuole. Il dubbio ci può stare ma non deve essere alimentato da paranoie e da una paura che quello che temete accada perchè nel momento in cui emettete una vibrazione di paura, sconforto, insuccesso, state chiamando queste situazioni nella vostra realtà.

L'attesa al ristorante, per tornare all'ormai famoso esempio, è piena di fiducia. Siete certi e grati che arriverà il vostro risotto all'orchidea dell'isoletta del pacifico.
Quando aspettate lo stipendio e avete visto un paio di scarpe che vi piace, non vi preoccupate se lo accrediteranno in banca. Andate e comprate le scarpe perchè siete certi e grati di poterlo fare. Quando aspettate una vincita, un rimborso, un regalo, sorgono i dubbi. E' importante restare focalizzati sui propri desideri andando oltre la convinzione di *non* meritarlo.
Dopo tanta teoria iniziamo con un po' di pratica 'guidata'. Lo faremo insieme nel prossimo post.

Comments

  1. Pronta a mettermi alla prova! Rimanere centrati è un bel problema, proprio per una questione di fiducia. Io a volte vivo di aspettative, e se non si realizzano nell’immediato… arggggg! non do più una possibilità al cambiamento!

  2. Buongiorno Cherryplum!
    Se si vuole una cosa *davvero* specie se è rilevante nella nostra vita, possiamo pensare che i dubbi siano proporzionali a quanto desideriamo la tal cosa. La paura del successo (nikefobia) fa si che anche i grandi atleti sbaglino la gara più importante.
    Noi chiediamo Cosa ma come e quando non spetta a noi deciderlo. Non so se era questo il post in cui ne ho parlato o se è già uscito o se uscirà a breve. Il raffreddore mi attappa il neurone! ;oD

    Se non dai possibilità metti in atto altissime resistenze! :o(

  3. Pingback: Mathilda Stillday Legge di attrazione: lui è pessimista | Mathilda Stillday

Add A Comment